03
FEB
2018

Zootecnia

IL PROGETTO A.I.A. DI TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA ALLEVATORI FRA CONSOLIDAMENTO E SVILUPPO DI NUOVI SERVIZI

A Fieragricola di Verona le novità sulla riorganizzazione delle principali attività che ruotano attorno alle esigenze degli allevatori italiani. Il presidente Roberto Nocentini: “Momento delicato, ma siamo preparati e pronti a nuove sfide”.

In un’affollatissima Sala Salieri nel Palaexpo del Centro Congressi di Veronafiere, nella mattinata di venerdì 2 febbraio 2018 nell’ambito della 113 edizione della “Fieragricola” scaligera, oltre 150 tra allevatori e tecnici, dirigenti e rappresentanti del Sistema Allevatori e delle organizzazioni di settore hanno assistito, nel corso di un interessante Convegno sul tema “La trasformazione del Sistema Allevatori “ alla presentazione delle principali novità sulla riorganizzazione delle attività di assistenza e consulenza al servizio del mondo allevatoriale.

 

La progettualità messa in campo da A.I.A, grazie al contributo di un qualificato gruppo di lavoro cui hanno partecipato figure di rilievo di estrazione anche esterna all’Organizzazione degli allevatori, ma di provata esperienza nei temi che ruotano attorno alla professione, è stata illustrata alla platea dal direttore generale dell’Associazione Italiana Allevatori Roberto Maddé.

 

Il progetto ruota essenzialmente sull’obiettivo generale del miglioramento della sostenibilità e competitività del settore zootecnico e, nello specifico, nel consolidamento, innovazione e riconferma delle attività istituzionali legate ai controlli funzionali ed al miglioramento genetico poste in essere con il sistema delle associazioni territoriali e nazionali di razza e specie. Lo sviluppo di nuovi servizi vedrà un maggior impegno sui temi della sostenibilità ambientale, della sanità e del benessere animale, sicurezza alimentare e tracciabilità delle produzioni, certificazioni, formazione ed aggiornamento, informatizzazione, zootecnia di precisione, aspetti gestionali economici dell’allevamento.

 

Ai lavori, aperti e conclusi dal presidente di A.I.A. Roberto Nocentini, hanno portato il proprio contributo le relazioni di Giovanni Filippini, dirigente veterinario Istituto Zooprofilattico Sperimentale Umbria e Marche, che ha parlato della gestione integrata dei protocolli zootecnici sanitari, dell’amministratore delegato della società Cirio Agricola, Paolo Grendene, il quale ha sviluppato delle interessanti valutazioni “dalla parte del produttore” nell’ottica dell’esperienza di una delle più importanti realtà nazionali ed europee nella zootecnia bovina da latte (con tutti gli animali, di razza Frisona italiana, iscritti a Libro Genealogico) e del prof. Samuele Trestini del Dipartimento Tesaf dell’Università di Padova che si è concentrato sul tema della convenienza economica per il socio-allevatore e sulle opportunità derivanti dall’adesione ai controlli funzionali effettuati dal Sistema Allevatori.

 

Il saluto di Veronafiere è stato portato da Claudio Valente, vicepresidente di Veronafiere, che non ha mancato di sottolineare il sempre importante contributo degli allevatori-espositori alla piena riuscita della manifestazione, che resta una fondamentale vetrina per aggiornare gli addetti del comparto ed il pubblico in generale sulle novità del settore primario.

 

Il Dirigente della Disr VII-Produzioni Animali del Mipaaf Francesco Bongiovanni, presente al Convegno, ha rappresentato la progettualità del futuro elaborata dalla Pubblica Amministrazione ricordando gli ultimi passaggi che hanno portato all’approvazione dello schema preliminare del decreto legislativo di riforma della disciplina della riproduzione animale, che comunque sarà prossimamente al vaglio delle competenti commissioni parlamentari per ulteriori valutazioni.

 

Il dibattito conclusivo è stato animato dal vicepresidente A.I.A. Claudio Destro e da Augusto Calbi, direttore dell’Ara Basilicata, che anche a nome dell’Aidez (l’associazione che riunisce i dirigenti degli Enti Zootecnici) ha ribadito il pieno appoggio dei direttori del Sistema Allevatori alla fase progettuale messa in campo da A.I.A. .

 

Molti gli argomenti di interesse per allevatori, tecnici ed attori della filiera agrozootecnica sviscerati durante il Convegno: dal benessere e sanità degli animali allevati, fino agli aspetti economici e gestionali dell'azienda d’allevamento.

 

Soddisfazione è stata espressa, nelle conclusioni, dal presidente Nocentini: “Quello di oggi è un passaggio importante e delicato – ha detto tra l’altro - , ma A.I.A. ed il Sistema Allevatori non vi arrivano impreparati. La progettualità presentata contiene tutti i capisaldi della nostra azione presente e futura, che costituisce anche le risposte che il legislatore, nazionale e comunitario, gli allevatori ed infine la società civile e i consumatori ci chiedono: una zootecnia sostenibile, rispettosa del benessere degli animali, che produce cibi di qualità e garantiti nella loro tracciabilità, fonte di dignità, reddito ed occupazione per le generazioni dei giovani che si avvicinano alla nostra professione”.

 

Fonte: A.I.A

 

Previous

GARA STUDENTI E VETRINA BIODIVERSITA' ALL'APERTURA DI A.I.A...

Next

A FIERAGRICOLA GLI ALLEVATORI CERCANO I ROBOT DI MUNGITURA:...