30
MAG
2017

associazioni

CONTOTERZISTI E AGRICOLTORI INSIEME, NASCE LA CAI: IL PRESIDENTE DALLA BERNARDINA "PRONTI A COLLABORARE CON FIERAGRICOLA"

Si ricompone la frattura del 2004. Oggi c’è la Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani

«Fieragricola è l’appuntamento fieristico più sentito in Italia dagli imprenditori agromeccanici, per il tasso di innovazione e per la trasversalità dei saloni espositivi presenti. Oggi le imprese agricole e agromeccaniche che rispondono meglio alle sfide della competitività sono quelle multifunzionali e ad elevato tasso di specializzazione».

Parola di Gianni Dalla Bernardina, neo eletto presidente della Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani (Cai), sindacato di rappresentanza frutto della fusione di Unima (di cui era vicepresidente) e Confai. Veronese, Dalla Bernardina è anche alla guida di Apima ed è presidente di Veronamercato dal 2015. Inoltre, è membro di giunta della Camera di Commercio di Verona.

«Veronafiere – prosegue Dalla Bernardina -. ha capito che il rilancio di una manifestazione internazionale come Fieragricola passava da pilastri come l’internazionalizzazione, l’incoming di buyer esteri qualificati e dalla presenza qualificata di espositori in segmenti strategici quali la meccanica, la zootecnia, le fonti rinnovabili, vigneto e frutteto, la gestione del verde, gli agrofarmaci e i mezzi tecnici e, in senso più ampio, nei servizi all’agricoltura».

Da parte della Cai c’è «massima disponibilità a collaborare con Fieragricola, forti di una rappresentanza di migliaia di agricoltori e di circa 18.000 imprese agromeccaniche, delle quali 10.000 professionali e con una spiccata propensione all’aggregazione. Anche perché Fieragricola, in programma dal 31 gennaio al 3 febbraio prossimi, è la prima grande manifestazione fieristica internazionale biennale in Italia. ritengo vi siano spazi per definire un percorso congiunto».

 

I numeri del contoterzismo

 

Secondo i dati dell’ultimo censimento in agricoltura, 212.000 aziende agricole (13% del totale) hanno affidato completamente la gestione a imprese di meccanizzazione agricola, affidando in toto ai contoterzisti una superficie di 1 milione di ettari.

Tra le attività di supporto e quelle secondarie, il contoterzismo genera un valore complessivo di 10,6 miliardi di euro (dato: 2015, fonte Crea), in crescita del 24,8% rispetto al 2010.

 

Dal Coordinamento alla Confederazione

 

La Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani (Cai) è l’ultima tappa di un percorso nel contoterzismo agricolo che ha visto la nascita nel 2013 del Coordinamento degli Agromeccanici Italiani, formato da Unima e Confai (nata nel 2004).

La Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani (Cai) rappresenta oltre l’85% delle imprese sindacalizzate ed è costituita da sei federazioni regionali (Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte, Toscana, Marche), 55 associazioni territoriali, dall’unione nazionale frantoi oleari (a sua volta costituita da 24 strutture provinciali), oltre a migliaia di imprese singole sparse su tutto il territorio nazionale.

«Tra gli obiettivi del nuovo sindacato unitario delle imprese agromeccaniche e agricole – afferma Dalla Bernardinail raggiungimento della definizione legislativa della figura dell’agromeccanico professionale e l’avvio di un dialogo fra sistema agricolo e istituzioni e la collaborazione fra tutti i soggetti del comparto primario».

 

Il consiglio direttivo

 

Oltre al veronese Gianni Dalla Bernardina (presidente), sono stati eletti nel consiglio della Cai: Sandro Cappellini di Mantova (vicepresidente), Silvano Ramadori (Macerata), Leonardo Bolis (Bergamo), Massimo Alberghini Maltoni (Modena), Marco Speziali (Mantova), Licia Gambini (Pisa), Giancarlo Ballerini (Grosseto), Michele Pedriali (Ferrara), Gianluca Ravizza (Asti), Carlo Feletto (Treviso), Fabrizio Zuccali (Brescia). I revisori: Paolo Lucherini (presidente, Firenze), Clemente Ballarini (sindaco effettivo, Verona), Marco Perletti (sindaco effettivo, Bergamo), Enzo Cattaneo (sindaco supplente, Bergamo), Massimo Modenesi (sindaco supplente, Piacenza).

 

Fonte: Fieragricola News