03
FEB
2018

Zootecnia

A FIERAGRICOLA GLI ALLEVATORI CERCANO I ROBOT DI MUNGITURA: L’AUTOMATIZZAZIONE MIGLIORA IL BENESSERE E IL BOVINO DIVENTA VIRTUALE

Per la suinicoltura strategie comuni per incrementare l’export, imitando il successo spagnolo.

Fieragricola è anche realtà virtuale, con la pellicola che trasmette un film sul benessere animale. La proiezione è allo stand del Consorzio agrario del Nordest e Calv Alimenta (pad. 9, stand d5). Un visore 3D permette di entrare nel rumine, il pre-stomaco del bovino, per osservare attraverso la realtà aumentata come gli ingredienti di un nuovo mangime interagiscono con i batteri responsabili della digestione dell’animale.

 

La mucca nel cloud

L’innovazione alla rassegna internazionale dell’agricoltura di Verona, che questa sera chiuderà i battenti della 113ª edizione, è presente anche con MooMonitor+. Un collare per la vacca, in grado di effettuare 36 misurazioni al secondo attraverso un accelerometro, registrando calori, ruminazioni, tempi impiegati per magiare e riposare. Ogni giorno vengono raccolti 3 milioni di dati, salvati incloud su un server della ditta produttrice irlandese, Dairy master, che vengono elaborati ogni 15 minuti. Ogni anomalia è segnalata in tempo reale all’allevatore sullo smartphone, grazie ad una app specifica (pad. 9, stand d16).

 

Zootecnia 4.0

Così la zootecnia digitale fa il pieno a Fieragricola. È evidente dal boom di richieste per la robotica e tutti quegli strumenti che spingono verso l’automazione, come le macchine semoventi per avvicinare il foraggio alle corsie di alimentazione in stalla e quelle per la distribuzione della razione alimentare.

A spingere sull’acceleratore dell’innovazione sono, indubbiamente, i finanziamenti previsti dai Programmi di sviluppo rurale, ma anche, come spiega Claudio Destro, vicepresidente dell’Associazione italiana allevatori (Aia), «le richieste dei consumatori, particolarmente attenti a tematiche come il benessere animale, la sostenibilità ambientale, l’uso consapevole del farmaco e la sicurezza alimentare. Qui si inserisce il ruolo di Aia, che deve aiutare gli allevatori in tale percorso e allo stesso tempo deve rassicurare i consumatori sulle attività che si fanno negli allevamenti».

 

In questa linea si muoverà anche la riorganizzazione del sistema Aia, illustrata ieri a Verona dal presidente Roberto Nocentini.

 

Benessere animale «scientifico» 

La questione del benessere animale è stato uno dei temi al centro del Milk Day di Fieragricola, che ha affrontato, con Luigi Bertocchi, responsabile del Centro di referenza nazionale sull’Animal welfare dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia-Romagna. «Il benessere animale è un concetto dinamico e uno stato biologico che si valuta su parametri scientifici – ha spiegato -. Le stalle che sono interessate a migliorare i propri parametri possono richiedere una valutazione all’Istituto zooprofilattico, attraverso il nostro sito internet e i nostri valutatori».

 

È stata proprio la leva del benessere animale ad aver spinto Sara Pasetto, allevatrice di Trevenzuolo (Verona) con 300 ettari e 320 capi in mungitura, a percorrere tre anni fa la strada dei robot di mungitura, come ha raccontato allo stand di Lely. «Volevamo animali più sani e controllati e incrementare la produzione, dopo la fine delle quote latte – ha specificato Pasetto -. Oggi sono molto soddisfatta della scelta, che ha avuto effetti positivi anche sulla qualità del latte e sullo stato di salute delle bovine».

 

Obiettivo redditività

I produttori cercano di ottimizzare i costi di produzione in stalla e il robot di mungitura sembra essere una risposta efficace. Ne è convinto Tiziano Ganz, direttore vendite DeLaval Italia. «Mai abbiamo installato così tanti robot di mungitura come lo scorso anno e saremmo contenti di ripetere lo stesso successo anche nel 2018 – ha affermato -. L’installazione di queste apparecchiature in stalle permette anche di eliminare i costi della manodopera ed è la ragione per cui la robotica sta avendo successo, oltre alla possibilità di verificare lo stato di salute della mandria e i livello produttivi in tempo reale».

 

Oltre al robot di mungitura a mono-box, la ditta Bellucci Orlando e C. srl, importatore della tedesca Gea, presenta a Verona un robot per avvicinare il fieno agli animali su un percorso predefinito e una pulitrice automatizzata per eliminare le deiezioni zootecniche dal pavimento grigliato.

 

Tracciabilità

In linea con le esigenze del consumatore di essere informato, l’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno ha presentato a Fieragricola il nuovo sistema di tracciabilità della Mozzarella di bufala campana Dop. «Attraverso il Qr code, consultabile nel punto vendita dallo smartphone – ha raccontato Antonio Limone, direttore generale del centro e coordinatore di tutti gli Istituti zooprofilattici italiani – possiamo sapere da quale stalla proviene la materia prima, quale caseificio lo ha lavorato, quale bufala ha prodotto il latte. Anche il consorzio di tutela ha compreso che questi controlli sono un antidoto al de-marketing, perché forniscono elementi in più sulla provenienza. Un sistema che abbiamo applicato a diversi prodotti campani e questo per scagionarli dalle accuse mosse contro la Terra dei fuochi».

 

La suinicoltura guarda alla Spagna

Fieragricola accende i riflettori anche sulla suinicoltura, che rilancia il dialogo di filiera e guarda alla Spagna come modello vincente. «La Spagna ha saputo organizzare la propria filiera produttiva scommettendo su produzioni di qualità e puntando molto sull’internazionalizzazione, che è la strada che anche l’Italia dovrebbe imboccare», ha detto ieri Lorenzo Fontanesi, vicepresidente di Opas, l’Organizzazione di prodotto degli allevatori suini, realtà che valorizza insieme a Unapros circa il 15% della produzione nazionale di maiali.

 

Il 2017, dal punto di vista economico, è stata soddisfacente. «Gli allevatori di suini hanno chiuso un’annata positiva, per la ripresa dei listini, ma non devono abbassare la guardia e smettere di pensare al futuro del settore, anche perché c’è un deficit strutturale della produzione suinicola di 1 miliardo di euro. Bisogna aumentare la produzione, per soddisfare le richieste di mercato, valorizzando le Dop e investendo sull’export – ha detto Guglielmo Golinelli, allevatore modenese e componente dell’Osservatorio europeo della carne suina -. Servono nuove strategie di aggregazione e valorizzazione dell’offerta e vanno introdotte innovazioni mirate alla competitività».

 

Dal direttore di Assica, l’Associazione italiana degli industriali delle carni suine, Davide Calderone, è arrivato l’appello a collaborare sul versante della sanità. «Siamo in una situazione economica favorevole – ha sostenuto – ma dobbiamo collaborare per debellare quelle malattie veterinarie che ci impediscono di esportare. Entro l’anno, però, dovremmo poter ottenere l’accreditamento per l’export in Cina. La suinicoltura in spagna ha svoltato dopo l’apertura del mercato cinese».

 

Fonte: Fieragricola News

 

Previous

IL PROGETTO A.I.A. DI TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA ALLEVATORI...

Next

ANARB PRESENTE E FUTURO CON UNA MOSTRA NAZIONALE SUPERLATIVA