13
GEN
2018

Agroenergie

BIOENERGIE, ACCORDO TRA FIERAGRICOLA E CONSORZIO ITALIANO BIOGAS.BIOGASFATTOBENE®: REDDITIVITA’, ECONOMIA CIRCOLARE E DIFESA DEL SUOLO

Verso la rassegna internazionale dell’agricoltura, in programma a Verona dal 31 gennaio al 3 febbraio

Il Biogasfattobene® sviluppato dal Consorzio Italiano Biogas approda a Verona, grazie all’accordo siglato in vista della 113ª edizione di Fieragricola, in programma dal 31 gennaio al 3 febbraio prossimi. «Il biogas ha superato la fase pionieristica e sempre di più si candida a rappresentare una soluzione in grado di sostenere la redditività dell’azienda agricola attraverso la diversificazione produttiva e la valorizzazione agronomica del digestato, un aspetto, quest’ultimo, in passato scarsamente valorizzato e che invece ora costituisce la nuova frontiera del biogas e della gassificazione», specifica Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere.

 

La partnership tra Fieragricola e CIB, presieduto da Piero Gattoni, si è concretizzata già a partire dalla prima tappa del roadshow della rassegna agricola di Verona tenutasi in Piemonte lo scorso marzo, con un focus dedicato alla zootecnia e ai vantaggi economici e ambientali del Biogasfattobene®, modello vincente anche nell’ottica dell’economia circolare e nel contrasto ai cambiamenti climatici.

 

Fieragricola ha successivamente proseguito il «Grand tour» in Italia, con tappe che hanno interessato, oltre al Piemonte, Sardegna, Campania, Calabria, Sicilia e Puglia. Nel contempo, CIB ha completato il suo “Biogasdoneright® Tour”, toccando Lombardia, Lazio, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia-Romagna.

 

A Fieragricola i visitatori potranno approfondire gli aspetti legati ai processi virtuosi generati dall’impianto di biogas nell’azienda agricola, in grado di «migliorare le pratiche agricole, favorire l’inserimento di nuove tecnologie per le colture, intensificare gli agroecosistemi, aumentare lo stoccaggio di carbonio nel suolo e aprire le porte alla fertilizzazione con il digestato, ad assicurare i doppi raccolti e le colture di integrazione, migliorare l’utilizzo efficiente dell’acqua irrigua e sostenere un percorso di ammodernamento verso l’agricoltura di precisione», come puntualizza Christian Curlisi, direttore CIB.

 

Accanto al processo che porta il bilancio dell’azienda agricola verso un’attività «carbon negative», grazie al fenomeno di sequestro attivo del carbonio, gli operatori del settore attendono anche l’approvazione del decreto interministeriale sul biometano, sollecitato dal CIB. «Sarebbe il primo passo – spiega il presidente Gattoniper riuscire a cogliere il pieno potenziale di 8 miliardi di metri cubi di biometano che riusciremmo a produrre a livello nazionale nel 2030».

 

L’area delle bioenergie a Fieragricola si troverà nel padiglione 9.

 

Fra i convegni dedicati al tema delle energie da fonti rinnovabili agricole, Fieragricola ospiterà quello organizzato da Veneto Agricoltura su bioenergia e carbonio nel suolo (per i dettagli consultare il sito www.fieragricola.it), a conferma degli aspetti sostenibili della produzione energetica verde in agricoltura.

 

 

Fonte: Fieragricola News

 

Previous

RAGGIUNGERE FIERAGRICOLA CON BUSFORFUN: IL DIVERTIMENTO...